IMG_20171026_183638_787

ANASTASIA FRACCHIOLLA

Traduco. Insegno. Festeggio. Trascino, legati invisibili alle mie dita, raggi di sole e palloncini colorati. In trasferta, tra micromondi e fragilità terrene. Curiosa, personalità multipla, in bilico costante tra Margaret Thatcher e Alda Merini. Ed anche un po’ Mara Venier. (ATTENZIONE SEGUE AUTOREFERENZIALITA’!) Trasformo mezzelune in sorrisi, tra una Weiss ed un tè inglese. Senza latte.

foto Paola

PAOLA ORFEI

Morsa da piccola da un topo di biblioteca, ho sviluppato ben presto i miei superpoteri. Gelataia e piadinara di giorno, mi trasformo in studiosa e scrittrice di notte. Sono convinta che i bambini siano gli eroi del futuro, i migliori elementi da cui partire per formare una squadra che combatta gli inestetismi dell’italiano e ne protegga la bellezza, per sempre.

SERENA D’ORAZIO

Ho preso le mie tre più grandi passioni – l’arte, la lettura e l’Abruzzo – e le ho trasformate in lavoro, donandomi interamente al mio territorio ed alla didattica per bambini e ragazzi.

Progetto senza titolo (5)

ROBERTA TINARELLI

Sognatrice incallita, specializzata nell’arte della fantasticheria a occhi aperti. Fra le altre cose archeologa, operatrice dei Beni Culturali ed educatrice museale.

Kristine

KRISTINE MARIA RAPINO

Lettrice affamata, sono innamorata delle parole, della gente, delle storie di ordinaria meraviglia. Del gatto sullo zerbino, il pane caldo, i vecchi sulle sedie di paglia fuori dalla porta di casa. Del rumore dell’erba che cresce. Sarà per questo che scrivo.

73201040_10218903399123267_8616229416873230336_n

SARA CARAMANICO

Vive da sempre in riva al mare, circondata dal profumo della carta dei libri e dallo sciabordio delle onde. Legge per lavoro, per hobby, per curiosità, ma soprattutto per nutrirsi.

Irene Speziale

IRENE SPEZIALE

Irrinunciabile sognatrice, usa le mani e la testa per dar voce al suo cuore grazie ai suoi colori, il suo computer, i suoi attrezzi e una laurea in ingegneria.

fbt

JESSICA LAGATTA

Appena laureata in Architettura ha capito che non voleva né fare l’architetto né lasciare l’università, perciò ha continuato a studiare come ricercatrice in design. Ha illustrato diversi libri e racconti per varie case editrici. I suoi ultimi lavori sono stati pubblicati da “La nave di Teseo”.